QUIZ GRATUITO: Quale difficoltà riscontri nel tuo Business

Il Sistema che blinda la tua azienda dalle sanzioni HACCP e Sicurezza sul lavoro

Edilizia Sicura: consigli essenziali per evitare incidenti in cantiere

Caro Imprenditore,

 

Oggi parliamo di un caso studio inerente il Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e le relative conseguenze per chi è titolare d’impresa.

 

Immagina questo: uno dei tuoi lavoratori cade da un lucernario non protetto e subisce lesioni gravissime. La tua azienda finisce nel mirino delle autorità, e tu, come datore di lavoro, sei chiamato a rispondere per la mancanza di misure di sicurezza adeguate. Questo scenario spaventoso è una realtà che molti imprenditori del settore delle costruzioni devono affrontare.

 

La sentenza della Cassazione Penale: Un caso di studio essenziale

 

La recente sentenza della Cassazione Penale (Sezione dell’8 aprile 2024, n. 14070) ha messo in luce una questione critica: la gestione dei rischi interferenziali nei cantieri. Questo caso riguarda la caduta di un lavoratore all’interno di un lucernario non protetto, evidenziando le carenze nella progettazione e organizzazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC).

 

Al CSE è stata attribuita la violazione dell’art. 92 comma 1 lett. b) del D. Lgs. n. 81/2008 per avere omesso di individuare nel PSC i fattori di rischio presenti nelle lavorazioni. I lavori consistevano nella sostituzione e nel fissaggio di elementi portanti della copertura di un fabbricato industriale del quale era in corso la sostituzione della copertura. In particolare, al professionista che ricopriva le funzioni di CSE, è stato contestato di aver omesso di indicare le misure di tutela contro il rischio di caduta dei lavoratori attraverso i lucernari presenti sulla copertura.

 

La Corte di appello

evidenziava che si era in presenza della mancata gestione di un rischio interferenziale in quanto si erano succedute due distinte fasi di lavoro eseguite da imprese diverse. L’impresa dell’infortunato operava in rapida successione rispetto all’altra impresa incaricata dello smontaggio delle componenti della copertura. Quest’ultima impresa avrebbe dovuto procedere anche alla sostituzione della copertura una volta che il personale della prima impresa avesse completato il suo compito

 

Nel caso specifico, il datore di lavoro dell’impresa esecutrice è stato sollevato dalla responsabilità, mentre il Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione (CSE) è stato ritenuto colpevole. La lezione è chiara: una corretta gestione dei rischi è fondamentale per evitare incidenti e conseguenze legali.

 

Le  chiavi di volta per gli Imprenditori

 

  • Valutazione dei Rischi Interferenziali: La sentenza ha sottolineato l’importanza di individuare e gestire i rischi derivanti dalla sovrapposizione di lavorazioni eseguite da diverse imprese. Ogni fase del lavoro deve essere attentamente pianificata e coordinata per evitare situazioni pericolose.

 

  • Responsabilità del CSE: Il CSE ha il compito cruciale di prevedere i rischi interferenziali e di adottare misure preventive. Nel caso in questione, il CSE ha fallito nel prevedere il rischio di caduta all’interno dei lucernari, causando gravi conseguenze.

 

  • Importanza del PSC: Un PSC ben strutturato e dettagliato è essenziale. Deve includere tutte le misure di sicurezza necessarie per ogni fase del lavoro e prevedere tutti i possibili rischi, sia per i lavoratori diretti che per quelli delle imprese subappaltatrici.

 

  • Coordinamento e Comunicazione: La comunicazione tra le diverse imprese e il coordinamento delle attività sono fondamentali. Le riunioni di coordinamento devono essere utilizzate per aggiornare continuamente il PSC e per affrontare eventuali nuove fonti di rischio.

 

Evitare gli errori comuni: Cosa puoi fare subito per la tua azienda?

 

  1. Revisione del PSC: Fai le tue opportune osservazioni al CSE, e assicurati che il tuo PSC sia completo e aggiornato. Questo documento è la tua assicurazione per quel cantiere, include tutte le misure di sicurezza necessarie e prevedi i rischi interferenziali, cosi come hanno la stessa valenza le procedure complementari del tuo POS. ( il Piano operativo di Sicurezza)

 

  1. Formazione Continua: Investi nella formazione continua dei tuoi dipendenti e dei tuoi subappaltatori. Tutti devono essere consapevoli dei rischi e delle misure di sicurezza.

 

  1. Audit di Sicurezza: Effettua regolari audit di sicurezza per identificare e correggere eventuali carenze. Non aspettare che si verifichi un incidente per agire.

 

  1. Comunicazione Efficace: Mantieni una comunicazione aperta e trasparente con tutte le parti coinvolte nel progetto. Le riunioni di coordinamento devono essere regolari e produttive.

 

A cosa devi mirare: Proteggere i tuoi Lavoratori per raggiungere il successo della tua azienda

 

La sicurezza nei cantieri non è solo una questione di conformità normativa, ma una responsabilità morale e un dovere verso i tuoi lavoratori. Non lasciare che la mancanza di pianificazione e coordinamento metta a rischio la vita dei tuoi dipendenti e la stabilità della tua azienda.

 

Agisci oggi per assicurarti che il tuo cantiere sia sicuro e conforme alle normative. Non aspettare che sia troppo tardi. Investi nella sicurezza, nella formazione e nella gestione efficace dei rischi interferenziali. La tua azienda, i tuoi lavoratori e la tua tranquillità ne trarranno enormi benefici.

 

Per ulteriori informazioni su come proteggere il tuo business e garantire la sicurezza nei tuoi cantieri, contattaci oggi stesso su: [email protected]

 

 Siamo qui per aiutarti a costruire un futuro più sicuro e di successo.

 

Con rispetto e dedizione alla tua sicurezza,

 

Fabio

 

Nota Bene: Questo articolo è stato ispirato dalla sentenza della Cassazione Penale dell’8 aprile 2024, n. 14070, e mira a fornire una guida pratica per gli imprenditori del settore delle costruzioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto